Il rinnovamento di Dirk Bikkembergs con Lee Wood nuovo direttore creativo

Articolo scritto per Urban Magazine
Link http://www.urbanmagazine.it/sfilata-dirk-bikkembergs-direttore-creativo-lee-wood/

Il noto marchio Dirk Bikkembergs cambia direttore creativo e sceglie Lee Wood, che decide di far ritornare il brand alla sua autenticità più pura con la collezione AI 17/18 che ha sfilato a Milano.

_mg_1743

Con lui, Bikkembergs ritorna a quando il brand nacque, alla concezione di uomo che aveva e a quello stile che ha saputo caratterizzarlo e renderlo riconoscibile.

Vincitore nel 2015 del concorso Who is on Next?, con L72, il suo brand, lo stilista inglese approda all’interno della casa di moda al fine di rinnovare il marchio e di riscrivere un nuovo capito nella sua storia.

Proprio a questo scopo Lee decide di presentare differenti tipologie di uomo, che potessero essere adatti a più contesti e situazioni ma che, soprattutto, rappresentassero una cerchia più ampia, mantenendo delle caratteristiche base per tutta la collezione. Da quello avvolto in abiti dal carattere classico e sartoriale a un uomo più selvaggio e sportivo, ma sempre sicuro di se, virile, adulto e potentemente mascolino.

Dal cappotto in pelle al parka, da maglioncioni robusti a gilet di lana.

_mg_1820

I classici vengono riproposti secondo una nuova concezione di volume. Gli estremi si incontrano. I capi sono over oppure completamente slim. Variano da pantaloni-pantacalze, a piumini maxi indossati sopra, per evidenziare l’effetto mantenendo sempre alto il fascino.

Le parole chiave di questa collezione sono verità e autorevolezza, per un uomo che non ha paura di mostrarsi esattamente per quello che è.

Le uniche fantasie presenti sono i quadri, nelle tonalità del grigio, o le righe, sottilissime e quasi impercepibili. I tasconi delle giacche sono messi in evidenza tramite l’utilizzo di tessuti e colori differenti e sono sempre in versione large, pronti a contenere qualsiasi cosa, anche in momenti di necessità.

Uno spirito selvaggio alla scoperta del mondo.

_mg_1985

Proprio alla parola “necessità” viene fatto un importante riferimento all’interno di questa collezione. Tra capi che passano dalla città alla montagna, l’uomo di Lee Wood è anche un uomo selvaggio, che decide di scoprire il mondo, in viaggi che spesso possono metterlo a dura prova, ma pur sempre importanti per forgiargli il carattere. Un esempio lampante, il gilet in arancio, unico colore shock della collezione, assomigliante a quello di salvataggio utilizzato nelle imbarcazioni.

Le colorazioni sono quelle neutre del bianco, del grigio, del nero e del cammello. Il guardaroba si assortisce di capi precisamente tagliati, dalle linee nette e decise che ricordano il mood della collezione e dell’uomo Bikkembergs.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Photographer Antonio Avolio

 

Annunci